Page 14 - Bollettino Parrocchiale 2023 Aprile
P. 14

re felici per un piccolo ge sto.
                                              Abbiamo imparato a non chie-
                                              derci “perché proprio a noi?!”
                                              ma a domandarci “cosa abbia-
                                              mo fatto di buono per meritarci
                                              tutto questo?”.

                   di Francesco               Siamo cresciuti nel matri-
                                              monio cercando di diventare
             UN SEGNO
                                              dei genitori affidabili per i
             Il corso per fidanzati,          nostri figli e non provando
             preparandosi alla vita           ad essere perfetti.
                                              Questo è il messaggio che nel
                                              corso vorremmo passare, co -
             M      i è stato chiesto di scri-  scienti che la nostra esperienza
                                              non è sinonimo di verità, ma
                    vere qualcosa sul corso
                    fidanzati in preparazio-  semplicemente un’esperienza,
                                              come quella di chiunque altro;
             ne al matrimonio, per lasciare   come quella che le nostre nuo -
             una traccia di quello che la par-  ve coppie dovranno crearsi.     7. Per generare la vita, non si
             rocchia fa per la comunità. Una  Buon corso a tutti…                  passa solo dai figli
             traccia, già: è proprio questo                                     8. Tra moglie e marito non
             che spinge me e mia moglie a                                          met tere i suoceri
             partecipare al corso come “cop-                                    9. Non esiste il genitore perfet-
             pia tutor”.                                                           to. Esiste quello affidabile.
             Perché, in fondo, il signifi-                                      10.Il contrario di avere paura,
             cato della vita è proprio rac-                                        non è avere coraggio. Ma
             contarsi, affinché la propria,                                        avere fede e fiducia.
             in questo caso la nostra,
             espe rienza sia d’esempio e                                        Abbiamo iniziato il corso, sen -
             di spunto per qualche nuova                 di Elisa               za avere né un matrimonio in
             coppia che si apre al mondo.     SPOSARSI È BENE,                  programma, né la volontà di
             Io e mia moglie siamo sposati    AMARSI È MEGLIO                   far lo di lì a poco. Alla proposta
             da quindici anni e, in questo     10 cose del corso                di Donfi di partecipare, erava-
             teatro che è la vita, tutto quello  fidanzati che ci hanno         mo tutto tranne che d’accordo.
             che immaginavamo ci accades-                                       Come sempre d’altronde.
             se non è accaduto, ma lo spet-    fatto cambiare idea              Io, curiosa, spontanea e soprat-
             tacolo ci ha mostrato una realtà                                   tutto entusiasta di tutto, penso
             incredibilmente fantastica, dif-  1. L’amore ti cambia le priorità  sempre che non ci sia niente da
             ficile, piena di sofferenze e di    (esattamente come fa Dio)      perdere, al massimo qualcosa
             gioie. Passando dalla frustra-   2. Ci si ama sempre in tre: io,   da imparare. Penso, che quan-
             zione di malattie inattese, ab -    te e Dio (altrimenti ciao!)    do qualcuno, ci propone qual-
             biamo capito che questo è il     3. Più accoglienza e meno sele-   cosa, bisogna fidarsi e basta. A
             nostro destino, la nostra mis-      zione                          Davide, invece, spetta il compi-
             sione.                           4. Se c’è spazio per un cambia-   to di contenere il mio caos nel
             Abbiamo due figli invalidi che      mento, non occuparlo con la    limite del possibile, quindi ov -
             hanno una rara malattia geneti-     paura                          viamente si è espresso con il
             ca, ma nella loro semplicità ci  5. Prendi tempo: il tempo della   tipico monosillabo impulsivo,
             hanno insegnato a vivere, a gioi -  coppia                         diretto e maschile: no. “Non
             re delle cose semplici, ad emo-  6. Non guardare solo la cosa      abbiamo ancora deciso, tutti
             zionarci per un sorriso, ad esse-   che ci divide                  hanno già una data e noi non


                                                             12
   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19